Fiori fra i vitigni della Tenuta Foradori in TrentinoFiori fra i vitigni della Tenuta Foradori in Trentino

Il lato sconosciuto del Trentino

Conti Bossi Fedrigotti

Vista sulle tante viti della Tenuta Conti Bossi Defrigotti che collabora con la cantina MasiVista sulle tante viti della Tenuta Conti Bossi Defrigotti che collabora con la cantina Masi

Una collaborazione di lunga data unisce Masi e questa famiglia aristocratica trentina.


Ferrari

Croce in cima a un vitigno del produttore di spumante Ferrari in TrentinoCroce in cima a un vitigno del produttore di spumante Ferrari in Trentino

Spumanti rifermentati in bottiglia à la champagne che fanno brindare il mondo intero.


Foradori

Fiori tra i filari della famiglia Foradori in TrentinoFiori tra i filari della famiglia Foradori in Trentino

Questa famiglia di viticoltori visionari mette in pratica dal 2002 l’agricoltura biodinamica: e con gran successo!


Tenuta San Leonardo

Viti di un verde intenso sulla Tenuta San Leonardo in TrentinoViti di un verde intenso sulla Tenuta San Leonardo in Trentino

Una cosa è certa: gli amanti del Bordeaux verranno accontentati anche in Italia…

Chi lo avrebbe mai detto? In Trentino, questa piccola regione nel nord dell’Italia, è possibile gustare da briosi spumanti a leggendari blend di Bordeaux, fino a vini prodotti con l’uva autoctona Teroldego.

Il Trentino è la parte meridionale della regione Trentino-Alto Adige. A nord troviamo l’Alto Adige o Sud Tirolo, dove viene parlato prevalentemente tedesco. In Trentino invece la lingua più diffusa è l’italiano. La Val d’Adige, o Etsch Tal in tedesco, si estende su entrambe le zone verso le Alpi e l’Austria.

Sebbene la regione vinicola del Trentino sia caratterizzata da vette mozzafiato, non si può parlare di «cool climate» vero e proprio. Le vallate protette si scaldano in estate, mentre i pendii rimangono generalmente freschi. Di conseguenza anche le varietà di vitigni sono tante quanto i microclimi. Su 10.000 ettari di zone coltivate a vite crescono perlopiù varietà internazionali come ChardonnayPinot grigio e Müller-Thurgau. Un blend di Bordeaux di prima qualità, Cabernet SauvignonMerlot e Carmenère viene prodotto dalla Tenuta San Leonardo: ormai dai lontani anni ‘80. A fare compagnia alle uve venute dall’estero ci pensano varietà autoctone come il Nosiola, con un profilo minerale e sentori di mandorla, e il Marzemino, un’uva a bacca rossa carica e floreale.

Il Trentino è rinomato anche per le sue bollicine. Il viticoltore Giulio Ferrari introdusse, oltre cent’anni fa il metodo champenoise nella regione. Oggi, con la denominazione Trentodoc offre degli spumanti rivitalizzanti a base di Chardonnay Pinot noir.

La rinascita del Teroldego

Una specialità della Piana Rotaliana è l’uva Teroldego. In passato veniva considerata poco raffinata, per via della sua acidità astringente e un retrogusto amaro. Ma poi è arrivata la Famiglia Foradori. Era certa che l’uva Teroldego avesse molto di più da offrire e adottò il metodo biodinamico nei suoi vitigni. Si limitò la resa, raccogliendo solamente i grappoli pienamente maturi. I vini rossi Foradori si distinguono per succosità e smalto. Inoltre, affinano alcuni vini in anfora. Questo non è previsto dal regolamento della doc, per questo motivo la famiglia continua a vendere il vino con la denominazione igt.

Il Trentino è rinomato anche per le sue bollicine. Il viticoltore Giulio Ferrari introdusse, oltre cent’anni fa il metodo champenoise nella regione. Oggi con la denominazione Trentodoc offre degli spumanti rivitalizzanti a base di Chardonnay Pinot noir.

Vette mozzafiato e alberi di limone in fiore

Trento o Trient, il capoluogo del Trentino, ha un fascino unico con il suo mix di cultura austriaca e italiana e le sue costruzioni barocche e rinascimentali intervallate da monumenti in stile romanico. Già Goethe restò colpito dal paesaggio di questa regione dove i vigneti si estendono a nord fino a 1000 metri di altitudine e a sud fioriscono accanto agli alberi di limone sul lago di Garda.

Il Trentino in passato non era una zona ricca ed è spesso rimasto nell’ombra del più benestante Sud Tirolo. Questo ha lasciato tracce anche nella cucina. Un menu senza cavolo e patate sarebbe del tutto impensabile: sotto forma di gnocchi e crauti in salamoia fatti in casa sono una vera delizia. Ma la cucina trentina ha qualcosa in serbo anche per i palati più fini. Dal 1550 in città si riuniva il Consiglio ecumenico. E gli ecclesiastici avevano dei gusti raffinati. Per questo motivo fino ai giorni nostri è sopravvissuta la ricetta del pollo ripieno alla trentina, con una preziosa farcitura di fegato, pinoli, pane e uova.

docg in Trentino

nessuna

doc in Trentino

Südtiroler, Casteller, Kalterer See, Teroldego Rotaliano, Trentino, Trento, Etschtaler e Valdadige Terradeiforti

I principali produttori

Cavit, Foradori, Ferrari, Conti Bossi Fedrigotti, Pojer & Sandri, Roberto Zeni, Tenuta San Leonardo

I vini del Trentino
  1. - +
    Italia, Trentino
    2022
    Chardonnay

    75 cl
    Vign'Asmara – Vigneti delle Dolomiti bianco igt, Conti Bossi Fedrigotti
    CHF21.50
  2. - +
    Italia, Trentino
    15
    100 % Chardonnay

    75 cl
    Ferrari Perlé Bianco - brut – Trento doc, Ferrari
    CHF39.00
  3. - +
    Italia, Trentino
    2012
    75 cl
    Giulio Ferrari Riserva del Fondatore – Trento doc - extra brut, Ferrari
    CHF154.00 netto n
Menu