Il paesaggio collinare della Toscana presentato dal suo lato più bello con i suoi numerosi vigneti e viticoltoriIl paesaggio collinare della Toscana presentato dal suo lato più bello con i suoi numerosi vigneti e viticoltori

Nel cuore degli amanti del vino

Aldobrandesca

La città etrusca di Sovana mostra il suo profilo migliore in una giornata di soleLa città etrusca di Sovana mostra il suo profilo migliore in una giornata di sole

Immersi nel selvaggio paesaggio a sud della Maremma crescono rigogliosi i vitigni della famiglia viticoltrice Antinori.


Marchesi Antinori

Vista su un castello di proprietà della dinastia di viticoltori AntinoriVista su un castello di proprietà della dinastia di viticoltori Antinori

La dinastia del vino fiorentino: il lavoro di oltre 26 generazioni premiate con grandi successi. E la storia non è ancora finita…


Badia a Passignano

Vista sul vecchio monastero di Badia a Passignano, che oggi appartiene alla famiglia AntinoriVista sul vecchio monastero di Badia a Passignano, che oggi appartiene alla famiglia Antinori

Dove un tempo i monaci conservavano il loro vino per la messa, oggi gli Antinori producono delle vere perle vinicole.


Banfi

Il castello Banfi troneggia sui vitigni di MontalcinoIl castello Banfi troneggia sui vitigni di Montalcino

I fratelli Mariani di New York oltre 40 anni fa in Italia coniarono il loro grande sogno vinicolo.


Bindella

Tramonto sul vigneto della Tenuta Vallocaia, di proprietà della famiglia BindellaTramonto sul vigneto della Tenuta Vallocaia, di proprietà della famiglia Bindella

Produciamo vino a Montepulciano, in Toscana, da oltre 40 anni. Venite a trovarci nel nostro piccolo paradiso!


Tenuta di Biserno

Vista sulla Tenuta di Biserno, fondata dai fratelli Piero e Lodovico AntinoriVista sulla Tenuta di Biserno, fondata dai fratelli Piero e Lodovico Antinori

L’«angolo bordolese» della Toscana, fondato dai fratelli Piero e Lodovico Antinori.


Conti Costanti

Vista sul vitigno dei Conti Costanti in ToscanaVista sul vitigno dei Conti Costanti in Toscana

Vini della Toscana? I vini di questa famiglia nobile rappresentano un valore sicuro: anche nella vostra cantina.


Grillesino

Una giornata estiva sui vigneti della Tenuta GrillesinoUna giornata estiva sui vigneti della Tenuta Grillesino

Saverio Notari punta tutto sulla varietà autoctona Morellino di Scansano: come dargli torto?


Tenuta Guado al Tasso

I vigneti della Tenuta Guado al Tasso in Maremma, una delle zone più amate della ToscanaI vigneti della Tenuta Guado al Tasso in Maremma, una delle zone più amate della Toscana

Il meglio di Antinori prodotto in una posizione perfetta, baciata dal sole a Bolgheri, in Maremma.


Masseto

Vigneti della Tenuta Masseto, il luogo da cui provengono originariamente le leggendarie uve di MerlotVigneti della Tenuta Masseto, il luogo da cui provengono originariamente le leggendarie uve di Merlot

Il leggendario e applaudito Merlot-Cru dalla Toscana: un piacere a cui vale sempre la pena cedere!


Le Macioche

Edificio in pietra con di fronte un carro di legnoEdificio in pietra con di fronte un carro di legno

La cantina della Famiglia Cotarella con i suoi vini toscani se la gioca alla pari con i grandi produttori di Brunelllo!


Le Mortelle

Edificio principale della Tenuta Le mortelle, costruito su un pendio e appartenente alla famiglia AntinoriEdificio principale della Tenuta Le mortelle, costruito su un pendio e appartenente alla famiglia Antinori

La cantina biologica degli Antinori, in Maremma, si estende su 270 ettari: un modello da seguire in tutto e per tutto.


Ornellaia

Un raggio di sole tra i rami del famoso pino immerso nei vigneti della Tenuta OrnellaiaUn raggio di sole tra i rami del famoso pino immerso nei vigneti della Tenuta Ornellaia

Vini nobili della Maremma di massimo calibro: l’oro liquido della Toscana. Una tentazione a cui cedere!


Pèppoli

Il cielo blu intenso sui vigneti di Péppoli, in ToscanaIl cielo blu intenso sui vigneti di Péppoli, in Toscana

Vino e olio di oliva di Antinori dalla famosa zona del Chianti: prodotti imbattibili a prezzi unici.


Pian delle Vigne

Il terreno argilloso della Tenuta Pian delle Vigne in Toscana, appartenente alla Famiglia AntinoriIl terreno argilloso della Tenuta Pian delle Vigne in Toscana, appartenente alla Famiglia Antinori

65 ettari di vigneti soleggiati e coltivati a Sangiovese per l'unico e inimitabile Brunello firmato Antinori.


Podere Poggio Scalette

Il paesaggio collinare costellato di vigneti in Toscana, nel Podere Poggio ScaletteIl paesaggio collinare costellato di vigneti in Toscana, nel Podere Poggio Scalette

II progetto del cuore del «Flying Winemaker» Vittorio Fiore e suo figlio Jurij.


Tenuta San Guido

Un tempo meraviglioso scalda i vigneti della Tenuta San Guido, in ToscanaUn tempo meraviglioso scalda i vigneti della Tenuta San Guido, in Toscana

Questo vino è un vero cult: il leggendario Sassicaia è una delizia che tutti dovrebbero provare!


Santa Cristina

I vigneti della Tenuta Santa Cristina in ToscanaI vigneti della Tenuta Santa Cristina in Toscana

Rossi e bianchi da portare sempre a tavola, con una qualità che rende ogni giorno una grande occasione: in vero stile Antinori!


Teruzzi

I vigneti della Tenuta Teruzzi conosciuta per la coltivazione dell’uva Vernaccia di San GimignanoI vigneti della Tenuta Teruzzi conosciuta per la coltivazione dell’uva Vernaccia di San Gimignano

La passione che si dedica all’uva Vernaccia ripaga con dei vini d'eccezione.


Tenuta Tignanello

Vista sui vitigni e la cantina della Tenuta Tignanello in ToscanaVista sui vitigni e la cantina della Tenuta Tignanello in Toscana

Terra natia dell’icona vinicola Tignanello, l’apripista di tutti i «Supertuscan».

I prelibati vini della Toscana sono conosciuti e amati in tutto il mondo.

Non abbiamo tutti una storia d’amore con la Toscana? Snelli cipressi su colline ondulate, vigneti e accoglienti uliveti, borghi medievali dove la vita si svolge nell'osteria. In più ci sono città del calibro di Firenze, con i suoi capolavori come il Davide di Michelangelo, o Siena, palcoscenico del famoso Palio. Il tutto a un passo dal Mar Mediterraneo. Non c’è da stupirsi che i turisti, che scoprirono questa meta immancabile a partire dagli anni ‘60, hanno sempre trovato il modo per portarsi a casa almeno un assaggio della sua bellezza: quasi nessuno se ne è mai andato senza una bottiglia di Chianti in valigia. Motivo per il quale la Toscana ha preceduto le altre regioni italiane in termini di fama all’estero.

Sangiovese: il re

Questa regione dell’Italia centrale vanta quasi 65.000 ettari di viti. Il Chianti è ancora una star indiscussa: ma bisogna saper distinguere l’oro dalla paglia. Gli intenditori apprezzano la qualità costante e l’eleganza senza tempo del Chianti Classico, prodotto con le uve delle colline nel cuore della zona del Chianti. La ricetta per questo vino esiste già da quasi 150 anni, scritta nel 1872 dal Barone e viticoltore Bettino Ricasoli nella sua «Formula del Chianti». La ricetta vuole che le uve di Sangiovese siano le protagoniste, con il 70 percento, da completare poi con il più delicato Canaiolo e la Malvasia bianca per più piacevolezza. Oggi non si utilizzano più le uve bianche, ma al loro posto sono autorizzate piccole quantità di varietà straniere come Cabernet Sauvignon o Merlot. A caratterizzare il sapore di questo vino rimane comunque il Sangiovese.

In generale il Sangiovese è la varietà predominante in Toscana. È sempre lui a dare al Vino Nobile di Montepulciano il suo tocco unico, rendendolo molto simile al Chianti nella composizione. Ambito quanto costoso è il Brunello di Montalcino. Nei pressi del luogo che porta lo stesso nome, avvolto in un microclima particolarmente caldo, al palato risulta corposo e concentrato. Deve essere composto al 100 percento da Sangiovese, regola che nel passato non è stata sempre rispettata e che ha anche provocato un grosso scandalo nel 2008.

La rivoluzione dei Supertuscan

Ma non ovunque il Sangiovese è trattato come un re. In Maremma, una zona estesa sulla costa sud della Toscana, le uve francesi la fanno da padrone. E da ben oltre 70 anni. Nel 1944, il Marchese Mario Incisa della Rocchetta piantò nel paesino di Bolgheri una parcella di prova di varietà francesi, ovvero, Cabernet Sauvignon e Cabernet franc. All’inizio il risultato fu un vino da tavola per la famiglia. Ma poi nel 1968 arrivò sul mercato un vino rivoluzionario chiamato Sassicaia. Presto divenne un fenomeno. In seguito sono stati in tanti ad imitare il Marchese, ad esempio la nobile famiglia fiorentina Antinori prima con il Tignanello e poi con l’Ornellaia, che oggi sono sotto l’egida dei Marchesi de’ Frescobaldi. Poiché questo nuovo stile non era previsto nei regolamenti ufficiali, per molto tempo questi vini eccellenti sono stati venduti come Vino da Tavola. Presto furono rinominati «Supertoscani» o «Supertuscan». Oggi sono tra le bottiglie più preziose e costose che il panorama vinicolo italiano abbia da offrire.

Semplici prelibatezze

Nonostante la fama dei grandi rossi, sarebbe un peccato dimenticarsi dei bianchi  toscani, ad esempio la florealeVernaccia di San Gimignano con il suo tipico odore di mandorle, e il dolce Vin Santo, un match goloso con i croccanti Cantucci. A proposito di cucina, la Toscana si distingue per le sue prelibatezze dalla tradizione semplice. La medaglia d’oro va sicuramente alla Bistecca alla fiorentina, succulenta carne Chianina di vitello grigliata al punto giusto e da gustare con un giro d’olio d’oliva a crudo. Dalla carne dei maiali di Cinta Senese, che vivono nei boschi nei dintorni di Siena, vengono invece preparate delle saporite salsicce. E anche una semplice zuppa di fagioli, la Ribollita, o un’insalata di pane, la Panzanella, qui sono delle vere specialità.

docg della Toscana

Brunello di Montalcino, Carmignano, Chianti, Chianti classico, Elba Aleatico Passito, Montecucco Sangiovese, Morellino di Scansano, Suvereto, Val di Cornia Rosso, Vernaccia di San Gimignano, Vino Nobile di Montepulciano

doc della Toscana

Ansonica Costa dell’Argentario, Barco Reale di Carmignano, Bianco dell’Empolese, Bianco di Pitigliano, Bolgheri, Bolgheri Sassicaia, Candia dei Colli Apuani, Capalbio, Colli dell’Etruria Centrale, Colli di Luni, Colline Lucchesi, Cortona, Elba, Grance Senesi, Maremma Toscana, Montecarlo, Montecucco, Monteregio di Massa Marittima, Montescudaio, Moscadello di Montalcino, Orcia, Parrina, Pomino, Rosso di Montalcino, Rosso di Montepulciano, San Gimignano, San Torpè, Sant’Antimo, Sovana, Terratico di Bibbona, Terre di Casole, Terre di Pisa, Val d’Arbia, Val d’Arno di Sopra, Val di Cornia, Valdichiana Toscana, Valdinievole, Vin Santo del Chianti, Vin Santo del Chianti Classico, Vin Santo di Carmignano, Vin Santo di Montepulciano

I principali produttori

Vini della Toscana
  1. - +
    Italia, Toscana
    2020
    85 % Sangiovese, Canaiolo nero, Mammolo, Colorino del Valdarno

    75 cl
    Vino Nobile di Montepulciano docg Toscana, Tenuta Vallocaia
    CHF23.00
  2. - +
    Italia, Toscana
    2022
    Cabernet Sauvignon, Cabernet franc, Merlot, Petit Verdot, Syrah

    75 cl
    Il Bruciato – Bolgheri doc, Tenuta Guado al Tasso
    CHF28.00
  3. - +
    Italia, Toscana
    2018
    100 % Sangiovese

    75 cl
    Brunello di Montalcino docg, Banfi
    CHF41.00
Menu